Associazione Culture Del Mondo

Piccoli Grandi Concerti presenta Musafir Duo

Per il mese di luglio, la nostra iniziativa Piccoli Grandi Concerti vi presenta Musafir Duo, che unisce il polistrumentista Mübin Dünen e il percussionista Rashmi Bhatt, i quali vi allieteranno con i segreti della musica orientale dal Kurdistan fino all’India. Grazie alle esperienze multietniche dei due artisti avrete la possibilità di assistere, proprio nel cuore di Roma, presso la Biblioteca Bhaghavat, l’armonia tra i diversi linguaggi musicali e vivere un’atmosfera travolgente e unica. 

Musafir duo è la combinazione di due artisti con formazioni e trascorsi differenti, ma con la volontà di trasmettere attraverso le note musicali le loro origini e tradizioni. 

https://www.facebook.com/events/1641498945982134/

Associazione Culture del Mondo PRESENTA
Piccoli Grandi Concerti

———————————————————————-

MUSAFIR DUO
Musiche dalle terre tra Kurdistan fino in India.

Mübin Dünen– Santoor, Ney, Voce
Rashmii V. Bhatt – Percussioni varie, Voce

Piccoli Grandi Concerti
2 Luglio 2019
21:00
Bibliothè
Via Celsa 5, Roma

Chiama per prenotare, posti limitati: 06 6781427

Informazioni su i due artisti 

Mübin Dünen è un musicista curdo, che attraverso la sua musica racconta la sua storia, raggiungendo il successo prima sulle strade di Istanbul fino ai palcoscenici europei. La sua arte è una combinazione di lingue e sinfonie diverse che parlano di amore e scoperte. Possiamo definirlo come artista cosmopolita, un cittadino del mondo che da qualche anno ha scelto la Sardegna come dimora. Ha sviluppato uno stile personale sia nell’esecuzione che nella composizione, utilizzando il nay il Santur (Cimbalon), Cura (piccolo saz), Tanbur (violincello turco) e percussioni ed originale grazie all’influenza dei molteplici incontri con artisti asiatici ed europei. 

Rashmi Bhatt è un artista cresciuto in India in un ambiente indiano permeato dalla musica, danza e teatro. Dopo aver appreso l’arte della Tabla, percussioni tipiche indiane, ha viaggiato per l’Europa ospite di Festival Internazionali. Ha collaborato con artisti di varie etnie e di fama mondiale come il kenyota Ayub Okada, il pakistano Nusrat Fateh Ali Khan, in tournée con Shakira e con i il gruppo rock-pop Sting. Partecipa a progetti per promuovere la conoscenza e l’integrazione tra culture diverse. 

__________________________________________________________________________

Biographie:

R A S H M I V. B H A T T
Percussionista

(Bio – versione breve)
Nato in India, Rashmi V. Bhatt Ë cresciuto a Pondicherry, in un ambiente permeato dalla danza, teatro e musica indiana: l’arte del Tabla, ovvero le tipiche percussioni dell’India, le ha studiate sotto la guida del Maestro Sree Torun Banerjee. Dopo il suo trasferimento in Europa, viene costantemente invitato per dei concerti con celebri maestri indiani e negli importanti Festival Internazionali in Europa. Affascinato dalla ricerca e fusione tra le varie etnie e i loro linguaggi musicali, ha collaborato con musicisti come il kenyota AYUB OKADA, Marcus STOCKHAUSEN, il famoso cantante pakistano NUSRAT FATEH ALI KHAN e Michael Brook. È spesso invitato per suonare a Dubai, Austria, Spagna, Marocco e Tunisia. È stato in tournée con SHAKIRA, cantante POP, seguito da un tour con il celebre Rock-Pop star STING. Negli ultimi anni, la sua ricerca principale si è orientata alla scoperta di diverse culture: da qui svariati progetti con musicisti originari di paesi, dal Marocco all’Iran, dall’Afghanistan al Mali, dalla Siria al Brasile. Era ospite al prestigioso Festival di WOMEX a Copenhagen. Mese prossimo è ospite all’Universita di Brasile, UFMG, seguito da una tournée in Brasile. Poi è stato invitato anche dall’Universita di Casablanca in Marocco.
E’ spesso invitato nei conservatori per fare delle Conferenze con Dimostrazione sull’antico sistema della Musica Classica dell’India e sulla Storia della Musica dell’India. Fa regolarmente degli Interventi didattici nelle Scuole Italiane, Spagnole, Francese nel quadro di INTERCULTURA anche su tematiche come Integrazione, Dialogo, Arte e Societa, Bolliwood, in India moderna. Collabora con le Ambasciate dell’India in tutta Europa.
Da dieci anni, è Direttore Artistico del WORLD RHYTHM FESTIVAL a Perugia. Risiede e insegna le Percussioni a Roma, Italia.

MUBIN

NAY, VOCE, SANTUR, PICCOLO SAZ, VIOLONCELLO TURCO

Mubin Dunen è nato a Silvan (Turchia), il 4.10.1977. Ha studiato “nay” al Conservatorio Municipale di Izmit (Turchia). Dopo le prime esperienze giovanili, dall’età di vent’anni ha svolto la sua attività musicale in forma professionale collaborando con noti gruppi musicali (Koma Amed, Koma Azad, Karagunes, Alatav in Turchia e Lilith a Berlino) e collaborato alle registrazioni di concerti ed album musicali di artisti famosi, quali Ciwan Haco, Mehmet Atli, Lilith, Metin e Kemal Kahraman, Servet Koca Kaya, Mehmet Akbas, Gulay,Burhan Berken, Tayfun Talipoglu,Serdar Keskin. Ha partecipato a numerosi festival in Turchia e all’estero e approfondito la conoscenza di nuovi strumenti tradizionali e contemporanei. Oltre al nay e alla propria voce, utilizza regolarmente Santur (cimbalon), Cura (piccolo saz), Tanbur (violoncello turco) e percussioni. Ha sviluppato uno stile personale sia nell’esecuzione che nella composizione, influenzata dai molteplici incontri con artisti europei e asiatici. In Europa ha collaborato alla realizzazione di un progetto di musica elettronica con Von Magnet, (Francia), ha scritto ed eseguito le musiche di uno spettacolo teatrale realizzato da Gisella Vacca (Italia), ha collaborato col musicista jazz Saadet Turkoz (Svizzera) per la realizzazione dell’opera da lui presentata all’ Aksanat Jazz Festival in Istanbul. Riepilogando, ha eseguito concerti negli USA, in Russia, Armenia, Georgia, Azerbaigian, Grecia, Gran Bretagna, Norvegia, Svizzera, Francia, Germania, Romania, Austria e Italia, sia come solista che in gruppo. In Italia ha partecipato a decine di spettacoli, in particolare a Venezia (in occasione della Biennale), Volterra (rassegna del Teatro di Nascosto), Roma (Kurdish Film Festival). In Sardegna, tra le altre numerosissime esibizioni vi sono state quelle a Sassari (Concerto in occasione della Cavalcata Sarda con i Koma Azad), a Genoni (rassegna Terre Sorelle), Castiadas (Festival Ethnicus) e Cagliari (Festival Sciradindi). Ha composto le musiche di numerosi documentari, film (Topac, Kursun adres Sormaz, Dut Zamani, Denge Came) e spettacoli teatrali (Destar Teatro-Cerb, Seyrimesel Teatro-Seva Periyan, Peristan). Nel 2009 ha inciso gli album BAHAR (primavera) e ARAF (purgatorio). Dal 2010 inizia la collaborazione, in qualità di consulente ed esecutore musicale, con la Coop Teatrale Sirio Sardegna Teatro. Sempre nel 2010 compone col pianista sardo Valerio Baraccani (in arte Cuya Valo) il pezzo musicale “Cuya Valo Meets Mubin Dunen”. Nel 2011 ha collaborato alla realizzazione dell’album “No mendigues Amor” della cantante sarda Paola Pitzalis accompagnandola infine nei pezzi Hey Nare e Horacio’s Lullaby. Nel 2012 proseguono le repliche in Sardegna dello spettacolo teatrale, di cui ha composto ed esegue le musiche dal vivo, Se dai miei versi strappi le rose di e con Gisella Vacca. Da 6 anni collabora e si esibisce in Sardegna con il gruppo dei Magic Carpet formato dalla violinista Angelica Turno, il chitarrista Marco Maxia e il percussionista Giancarlo Murranca,e di recente collabora con il fisarmonicista Luigi Lai e col contrabbassista de i Nasodoble e Orchestra Jazz di Sardegna Alessandro Zolo. Nel 2016 ha pubblicato il suo ultimo album dal titolo Gerok (il viaggiatore). Nel 2017 ha collaborato al progetto musicale di Ambra Pintore Terre del ritorno.


Comment

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.